10 novembre 2020

Ordinanza del Ministro della Salute del 10 novembre 2020
ERRATA CORRIGE

Entrata in vigore: 11 novembre 2020

Ordinanza del Ministro della Salute

in data 10 novembre il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato un'ordinanza che prevede il passaggio a partire dall’11 novembre 2020:

  • in area arancione di 5 Regioni: Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria 
  • in area rossa della Provincia di Bolzano

Complessivamente, quindi, la ripartizione delle Regioni nelle diverse aree ad oggi 11 novembre 2020 è la seguente:

  • area gialla: Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Veneto
  • area arancione: Abruzzo, Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria
  • area rossa: Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d'Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano.

Scenario e livello di rischio

Misure di contenimento

Regioni

Scenario non rientrante nei due casi successivi

MISURE PREVISTE SULL’INTERO TERRITORIO NAZIONALE

🚫 Vietati gli spostamenti dalle 22 alle 5, salvo che per comprovate esigenze. Fortemente raccomandato limitare in generale gli spostamenti

💻 Didattica a distanza al 100% per le scuole superiori, salvo casi specifici (es. frequenza laboratori, alunni con disabilità)

🚌 Riduzione al 50% del trasporto pubblico

🚫 Nei festivi e prefestivi, chiusura dei centri commerciali, eccetto negozi che vendono generi alimentari, farmacie e edicole al loro interno

🚫 Chiusura dei servizi di ristorazione (bar, pub, pasticcerie, ristoranti, gelaterie) alle ore 18.00 (attività consentite dalle 5 alle 18)

Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio e fino alle ore 22.00 la ristorazione con asporto

🚫 Chiusura musei, cinema, concerti, teatri

🚫 Chiusura palestre, piscine, centri termali, centri benessere

🚫 Chiusura sale giochi, scommesse, bingo e casinò, slot machine anche nei bar e tabaccherie

🚫 Chiusura parchi tematici e divertimento

🚫 Chiusura discoteche e sale da ballo

🚫 Sospesi convegni e congressi

  • Campania
  • Emilia-Romagna
  • Friuli Venezia Giulia
  • Lazio
  • Marche
  • Molise
  • Provincia autonoma di Trento
  • Sardegna
  • Veneto

Scenario di TIPO 3:
elevata gravità e livello di rischio alto

IN AGGIUNTA ALLE MISURE PREVISTE SULL’INTERO TERRITORIO NAZIONALE

🚫 Vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori, salvo che per comprovate esigenze

🚫 Vietati gli spostamenti in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze

🚫 Chiusura dei servizi di ristorazione (bar, pub, pasticcerie, ristoranti, gelaterie)

Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio e fino alle ore 22.00 la ristorazione con asporto

  • Abruzzo
  • Basilicata
  • Liguria
  • Puglia
  • Sicilia
  • Toscana

Scenario di TIPO 4:
massima gravità e livello di rischio alto

IN AGGIUNTA ALLE MISURE PREVISTE SULL’INTERO TERRITORIO NAZIONALE

🚫 Vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori, salvo che per comprovate esigenze

🚫 Vietati gli spostamenti all’interno dei territori, salvo che per comprovate esigenze

🚫 Chiusura delle attività commerciali al dettaglio, eccetto vendita di generi alimentari e di prima necessità (Allegato 23 del DPCM)

🚫 Chiusura mercati (eccetto per generi alimentari)

Aperti edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie

🚫 Chiusura dei servizi di ristorazione (bar, pub, pasticcerie, ristoranti, gelaterie)

Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio e fino alle ore 22.00 la ristorazione con asporto

💻 Didattica a distanza a partire dalla seconda media, salvo casi specifici (es. frequenza laboratori, alunni con disabilità)

✅ Attività motoria in prossimità propria abitazione con obbligo di mascherina. Attività sportiva solo all’aperto e da soli

🚫 Chiusura centri sportivi

🚫 Chiusura attività servizi alla persona, eccetto quelle di cui Allegato 24 del DPCM (barbieri e parrucchieri restano aperti)

🖐️Pubblica Amministrazione. Assicurare in presenza esclusivamente le attività ritenute indifferibili

  • Calabria
  • Lombardia
  • Piemonte
  • Valle d’Aosta
  • Provincia Autonoma di Bolzano

 

CONTATTACI

Contattate SIDEL Ingegneria per richiedere
ulteriori informazioni.